giovedì 14 maggio 2015

La mia LIMNOS

di Claudia Pizzaroni


Scrivo questo diario a distanza di quasi un anno dal mio viaggio e riguardando le foto ogni minimo dettaglio è riaffiorato per permettermi di raccontarvi la MIA LIMNOS.
Il 4 Agosto io e Matteo, il mio paziente fidanzato, nonché compagno di avventure, partiamo da Roma con un volo Ryanair per Salonicco. Appena fuori dall’aeroporto troviamo ad aspettarci il bus n 78 (biglietto 1 euro a persona) che ci porterà alla stazione dei pullman della KTEL MACEDONIA, che ci porteranno nella cittadina di Kavala dove ci aspetta il traghetto per Limnos.
Vorrei spendere due parole per Salonicco: durante il viaggio di andata, causa incastri per prendere il traghetto, siamo riusciti a vederla solo durante il viaggio dall’aeroporto fino alla stazione dei pullman.

Ci ha dato la sensazione di essere una città molto sporca, e davvero poco affascinante.

Durante il viaggio di ritorno invece, ci siamo fermati per una notte all’ Hotel Pella, proprio in centro ma sporco e tristissimo, e siamo andati verso il porto e la parte più centrale di Salonicco. Ci siamo decisamente ricreduti, è una bellissima città, piena di vita, di giovani, di belle piazze e con un lungo mare davvero affascinante. Il poco tempo non ci ha permesso di visitarla, ma forse un paio di giorni bisognerebbe dedicarglieli.

Il viaggio con il pullman della KTEL dura circa 3 ore, e il biglietto costa circa 12 euro a persona. I pullman per Kavala partono ogni ora circa. Una volta arrivati a Kavala ci siamo fermati a mangiare la nostra prima pita souvlaki e abbiamo fatto un giro per il suo delizioso porticciolo. Infine ci siamo imbarcati per un viaggio che è risultato molto più lungo del previsto. Solitamente il traghetto da Kavala a Limnos ci mette 8 ore, noi saremmo dovuti arrivare alle 23 e siamo invece sbarcati alle 3 di notte.

A darci il benvenuto è il Kastro illuminato che domina Myrina, la capitale dell’isola. Lo spettacolo è mozzafiato.

Ad aspettarci al porto c’erano i proprietari del nostro studio “Limnos View” (www.limosview.gr), che si trova ad Agios Ioannis, piccolo paesotto ad un quarto d’ora da Myrina. Gli studios sono pulitissimi, ben attrezzati e soprattutto economici. Noi ci siamo trovati benissimo, i proprietari sono davvero disponibili.

Limnos View
 

Ci svegliamo l’indomani e di fronte a noi abbiamo la baia di Agios Ioannis con il suo mare blu cobalto e le sue poche casette sparse lungo le spiagge.


Baia di agios Ioannis - Limnos
 

A mio avviso alloggiare ad Agios Ioannis è la scelta migliore, Myrina è leggermente più caotica. Agios Ioannis è un paesino proprio sul mare con pochissime case, un paio di taverne, un mini market e un delizioso bar scavato in una roccia, con dei deliziosi tavolini a forma di barca che si affacciano proprio sul mare.
 
 
il bar scavato nella roccia ad Agios Ioannis

tavolini a forma di barchette al bar di Agios Ioannis
 

Ci sono anche alcune spiaggette cittadine, abbastanza carine ma comunque un pochino affollate.
Myrina: è una cittadina deliziosa, con due porti, uno turistico in cui si susseguono una serie di taverne e bar molto carini e soprattutto piuttosto vivi la sera.
 
Porto turistico di Myrina - Limnos
 
L’altro, è il vero e proprio porto dell’isola, lì troverete altre taverne, soprattutto per mangiare il pesce, e non distante troverete la via principale di Myrina, ricca di negozi di ogni tipo.


Porto di Myrina - Limnos
 
Entrambi i porti sono dominati dal suggestivo Kastro, le cui mura di notte vengono illuminate per stregare i vostri cuori.

Kastro - Myrina, Limnos

Il primo giorno abbiamo affittato uno scooter 125, fedele compagno di follie alla ricerca di posti sperduti, e ci siamo diretti verso la parte nord ovest dell’isola, in direzione Spiaggia di Gomati. La strada è tortuosa, di montagna, piena di curve; il paesaggio ci lascia piuttosto perplessi, non ci sono alberi, cespugli, nessun tipo di vegetazione. Tutto intorno a noi ci sono montagne e colline color senape, e null’altro…del mare nemmeno l’ombra. Un paesaggio lunare, disarmante.

Dopo un bel po’ di strada arriviamo finalmente sulla spiaggia, quasi deserta e dominata da una enorme duna sulla quale è stato abbandonato un carro armato che punta dritto verso il mare.


spiaggia "protetta" a Limnos
 
(La presenza dei militari si vede e si sente ancora a Limnos, sparse per tutta l’isola troverete delle caserme e spesso vedrete girare jeep con dentro soldati, ma non è nulla di preoccupante, Limnos è molto vicina alla Turchia, questo è il motivo).

La spiaggia di Gomati, ci insegna una particolarità di Limnos: sulle spiagge troverete lettini e ombrelloni gratis, o comunque da utilizzare in seguito ad una piccolissima consumazione al bar. GENIALI I GRECI… inizialmente, io e Matteo li abbiamo snobbati, dopo nemmeno due giorni abbiamo ceduto alla comodità e ce li siamo goduti per tutta la vacanza!!!

Poco prima della spiaggia troverete le indicazioni per le dune di sabbia (si dice siano le più alte d’Europa) un bello spettacolo per la vista…
Il primo impatto con il mare e il paesaggio il Limnos ci lascia perplessi, e in effetti avevo letto da qualche parte che inizialmente l’isola si presenta così. Chi arriva non è in grado di assaporarne l’essenza più intima e dentro di sè pensa: MA DOVE SONO FINITO? Si è storditi dal giallo che circonda, e da una strana atmosfera un po’ malinconica, e l’istinto che si ha è quello di andar via.

Sul traghetto del ritorno verso Kavala, mentre io dopo 20 giorni salutavo Limnos, Myrina e il suo Kastro, ho ascoltato la conversazione di una coppia che litigava. Lui incolpava lei per averlo portato in un’isola così brutta e triste, con un brutto mare, senza spiagge e senza vita. Erano probabilmente rimasti per due, massimo tre giorni, e stavano già prendendo il traghetto per andare via. In quel momento ho ripensato alla frase che avevo letto su Limnos che diceva che l’isola si mostrerà in tutta la sua bellezza solo al visitatore non distratto, solo a coloro che avranno davvero voglia di scoprirla, e ho sorriso…

Non vi racconterò il nostro viaggio giorno per giorno, ma vi dirò quello che secondo me merita davvero una visita.

Per quanto riguarda la parte nord, a parte le dune di Gomati, Capo Mourzeflos (lo troverete nella punta ovest più estrema poco prima di una grandissima base militare, dovete lasciare la macchina e proseguire a piedi lungo la stradina sterrata che troverete sulla sinistra), e Capo Falakron, in cui le rocce formano delle figure piuttosto bizzare, non c’è altro da fare.

Le spiagge più belle sono a sud, meritano davvero tutte: nella mia personale classifica ci sono Mikro e Megalo Fanaraki, Chavouli,
 
Chavouli - Limnous
 
 
Thanos, Stivi Bay o Mabella e infine PARTHENODAS, un vero e proprio paradiso che troverete andando verso Agia Sofia, da li proseguite seguendo le indicazioni BEACH, non fermatevi nella prima spiaggia che torvate(SKIDI BAY), è abbandonata e molto sporca, andate avanti per la stradina sterrata, superate un paesino abbandonato e vi troverete in paradiso…sabbia bianca, e nessun essere umano all’orizzonte…il mio cuore è ancora li. Questa è l’unica spiaggia dell’isola a non essere attrezzata ne con ombrelloni nè con lettini, nè con null’altro…è selvaggia al cento per cento…
 
Parthenodas - Limnos


Parthenodas - Limnos
 
Da Agia Sofia spingetevi fino a Skandali, paesino carino che finisce nella baia di Loudri, ventosa e quasi oceanica, ma molto molto bella!


baia di Loudri - Limnos

Keros Bay, a noi non è piaciuta, è oceano puro, adatta soprattutto a surfisti.
 
Keros Bay
 

Per quanto riguarda l’isola, i suoi paesini e la sua natura i miei consigli sono questi:
- Da Moudros andate verso Kodoupoli, paesino delizioso con un bel laboratorio di ceramiche, e proseguite verso il lago di sale Aliki.
-Kotsinas paesino con una piccola baia e due tre taverne carine sul mare
-Da non perdere i siti archeologici di IFESTIA e KAVIRION.

- Il Kastro di Myrina, UNICO… si può arrivare fino in cima, io consiglio di farlo poco prima del tramonto, da li si gode di uno spettacolo meraviglioso. E lungo la passeggiata, se siete fortunati potrete incontrare cerbiatti, caprette e caproni, noi lo siamo stati…
 
cerbiatti al Kastro di Limnos
 
- Non perdetevi il paesino di Kodias, con le sue case dai tetti rossi e i Mulini che sbucano in mezzo a colline ricoperte di pini.
 
Mulini di Kodias - Limnos
 
- La chiesetta di Panagia Kakaviotissa, un gioiello incastonato tra le rocce in un paesaggio fiabesco…ad accompagnarvi lungo il sentiero ci saranno i guardiani della chiesetta, due dolcissimi cagnoloni!
 
Panaghia Kakaviotissa, Limnos

il custode della Panaghia
 

-I tramonti di Limnos, quando il sole vi saluterà nascondendosi dietro al Monte Athos vi lascerà dentro un’emozione immensa.
 
tramonto a Limnos
 

-La luna di Limnos, è magica…
 
la luna a Limnos
 

-Le tartarughe che si trovano per strada
 
Claudia e la tartaruga!
 

-Non perdetevi qualche serata tipicamente greca nei paesini dell’isola, noi siamo capitati a Kaspakas, vicino Agios Ioannis, ad una serata con musica e tantissimo cibo…occhio agli orari…i greci mangiano molto molto tardi!
Chi va a Limnos piangerà due volte: la prima arrivando sull’isola, la seconda lasciandola. La sua storia, il suo mare, i suoi abitanti, burberi ma dal cuore tenero, la vita calma che la contraddistingue, il cielo sellato che sembrerà avvolgervi, i suoi magici tramonti e lo sguardo del Monte Athos che vi guarda maestoso dall’orizzonte, vi entreranno nel sangue, nel cuore e nell’anima.
A me Limnos è entrata dentro lentamente, giorno per giorno, ma ora so che non ne uscirà mai più.
Chi ne ha saputo cogliere la bellezza ne è un po’ geloso, un signore greco conosciuto sul posto mi ha chiesto di non farle troppa pubblicità in Italia. Sono gelosi della loro meravigliosa isola a forma di farfalla e vogliono tutelarla dal turismo di massa che spesso non fa altro che togliere magia alla natura, alle tradizioni e alla bellezza dei luoghi.
Ma io so che voi amanti della Grecia starete attenti a non spersonalizzare la sua bellezza…eccolo dunque il mio canto d’amore per Limnos…tutto per voi!



Spero di esservi stata utile, per qualsiasi informazione scrivetemi!

Claudia

Nessun commento:

Posta un commento