I MUST DI ORNELLA - PENISOLA CALCIDICA

Non temete, non è molto
diverso che andare per isole, le 3 dita della penisola Calcidica sono lunghe e
sottili, graffiano il blu dell’Egeo con bianche unghie di sabbia immacolata, le
onde le accarezzano con dolcezza e ne modellano le rocciose ossa. Il dito da
visitare in assoluto è SITHONIA, spiagge
bianche, acqua cristallina e immobile, Sithonia è il dito centrale della Calcidica
ed offre una Grecia meravigliosa e lontana dalla folla delle isole anche nel
mese di agosto. Tranne la zona da Nikiti a Neos Marmaras e Porto Carras, dove
c'è l'unica concentrazione di strutture alberghiere, per il resto di turistico poco
e niente. Il dito di KASSANDRA
è invece più turistico, molti alberghi e turismo da “pacchetto tutto compreso”
soprattutto di consumo bulgaro, ci sono zone con ingresso a pagamento, ma anche
fitte pinete come quella di Sani o Paliouri che offrono angoli tranquilli. Il
dito del MONTE ATHOS o AGIOS OROS è
invece inaccessibile, ma lo si può accostare via terra fino ad Ouranopoli o via
mare con escursioni in barca, basta un assaggio per avere comunque una
indelebile impressione della sua sacralità. In sostanza il bello di una vacanza
in Calcidica sono le spiagge di sabbia candida, difficili da trovare altrove
così belle, il mare cristallino con acqua bassa e tiepida in cui camminare,
pinete e boschetti, tranquillità e pace: l’atmosfera delle Cicladi o del
Dodecaneso è molto lontana, anche il genere di turismo è diverso, troverete
camperisti, campeggiatori e ciclisti, si gira facilmente e senza fatica, ma i
luoghi più belli bisogna cercarli e conquistarli infilandosi nelle stradette
che incontrerete. Nei paesini sulle
colline e nelle cittadine troverete taverne con una musica struggente, nata
qui, dai greci che vi sono venuti ad abitare fuggendo dalla Turchia: è questo
languore nostalgico il suo fascino
maggiore che unito dalla presenza costante del Monte Athos diventa a volte uno
struggente desiderio di raggiungere qualcosa e non si sa cosa…. Non la troverai deserta perché è piuttosto vicina a Salonicco e molto frequentata da turismo balcanico e nordico, ma le spiagge sono talmente tante che troverete angoli di paradiso anche in pieno agosto.

Si può tranquillamente fare punto base in solo
luogo e da li spostarsi in giornata per le escursioni che avrai voglia di fare
o oziare sulle spiagge vicine. L’importante è stare sulla costa est di Sithonia,
quella che guarda il Monte Athos. I paesini costieri, dal
punto di vista urbanistico, sono tutti piuttosto anonimi, nati nel 1900 con l’esodo
greco dalla Turchia, sono poi cresciuti, spesso un po’ disordinatamente, sulla
spinta della domanda turistica cosicché
ora ci sono più case che abitanti. Qualche paese più carino si trova all’interno, PARTHENONAS è sicuramente l’esempio più bello
di questi borghi macedoni con le sue case di pietra viva e i tetti rossi. Tieni
presente che la Calcidica fino ai primi del ‘900 era praticamente disabitata e
per questo, pur essendo terraferma, vi si respira una atmosfera in genere
languida e di isolamento, tipica delle isole più sperdute, che si popolano d’estate
e poi tornano nel loro torpore.

Nessun commento:

Posta un commento